Redazione LiberaVeneto 27 febbraio 2018
Elezioni politiche 4 marzo 2018, tutte le info su come votare nel Veneto

Per le elezioni politiche del 4 marzo 2018, i cittadini veneti dovranno presentarsi presso le sedi di voto portando con sé carta d’identità e tessera elettorale. Per votare basterà barrare la casella corrispondente al partito preferito, aggiungendo anche il candidato preferito della stessa lista

Dalle ore 7 alle ore 23 di domenica 4 marzo 2018 ogni cittadino veneto sarà chiamato ad esprimere il proprio voto per le elezioni politiche nazionali. Sarà così che, gli abitanti con più di 18 anni d’età potranno votare per la Camera, mentre dai 25 anni in su, si potrà votare, secondo la legge, per Camera e Senato. Per votare basterà portare con sé alcuni documenti: una carta d’identità valida, va bene anche la patente o il passaporto, e (documento più importante), la tessera elettorale. Tale documento è essenziale ai fini del voto e senza quest’ultimo non è possibile votare. La tessera arriva ad ogni cittadino italiano al compimento dei 18 anni d’età e dev’essere cambiata nel caso sia colma. Su tale tessera si possono, infatti, trovare alcuni timbri che certificano le votazioni passate, nonché anche la sede di voto a cui si è stati assegnati. Difatti, la sede indicata sulla tessera elettorale, è selezionata in base alle zone e all’istituto scolastico più vicino alla sede di residenza. Nel caso di smarrimento del documento di voto bisognerà contattare il comune di residenza per avere un nuovo certificato.

Come votare
I seggi elettorali saranno dunque aperti fin dalle 7 del mattino di domenica e saranno presieduti da Presidente del seggio, un segretario e uno o più scrutatori a seconda del caso. Una volta giunti in sede si dovrà certificare la propria identità, consegnando un documento di riconoscimento, e consegnando momentaneamente anche la tessera elettorale. A questo punto verranno consegnate le schede elettorali su cui segnare il proprio voto. Il presidente del seggio può anche chiedere al cittadino di lasciare momentaneamente sul tavolo eventuali oggetti personali. Quindi cellulari, macchine fotografiche, penne e solitamente anche le chiavi non vanno portate all’interno della cabina. Questo perché è vietato fare foto alla propria scheda elettorale, gesto punibile, o scrivere con altre penne che non siano nere: renderebbe il voto assolutamente nullo.

La scheda sarà divisa in sezioni capeggiate dai partiti. Nelle stesse sezioni saranno elencati i possibili primi ministri con la lista dei candidati veneti per ogni partito. In cabina bisognerà barrare la casella con il partito preferito e, per chi lo voglia, aggiungere una crocetta anche sul candidato preferito o sul candidato regionale in lista. Non sarà ritenuto valido una scheda elettorale con barrato un partito di diverso stampo rispetto al candidato segnato. Le crocette devono quindi essere segnate nella stessa sezione.

Una volta votato, basterà ripiegare il foglio, imbucarlo nelle cassette elettorali e riprendere tutti i propri documenti ed effetti personali. I veneti all’estero hanno già ricevuto, tramite posta, delle schede elettorali su cui esprimere il proprio voto. Vanno riconsegnate entro il 1° marzo all’ambasciata italiana in loco. Lo spoglio dei voti per le elezioni politiche 4 marzo 2018 avverrà poi dopo le ore 23.

Scrivi qui...